IL BORGO

Associazione Onlus

PROGRAMMA "IL FOCOLARE" Servizio Residenziale di Tipo B (intensivo)

TIPOLOGIA DEL SERVIZIO

Il Borgo Onlus gestisce il Servizio Residenziale di Tipo B denominato “Il Focolare”, operativo formalmente dal 1 giugno 2003 dopo un periodo di sperimentazione.
Da allora il servizio ha visto un continuo e coerente sviluppo, sia nel numero di persone accolte che nel perfezionamento dell'organizzazione e della professionalità offerta dallo staff operativo.
Il programma ha cercato di dare risposte sempre più concrete e specifiche ad un tipo di utenza caratterizzato per le gravi situazioni socio sanitarie e le limitate risorse personali, familiari e, a volte, lavorative. L’azione educativa è finalizzata a dare i massimi spazi di autonomia secondo le capacità di ciascun ospite. Grande attenzione è rivolta alle esigenze del territorio: infatti le maggiori collaborazioni sono con le aziende sanitarie delle Ulss di Vicenza e dell’Alto Vicentino.
Il Servizio promuove anche le collaborazioni con gli enti locali per consentire alle persone un inserimento sociale integrato: collaborazione con il Centro per l'Impiego di Schio e i Servizi ad esso correlati.
Il Borgo Onlus, con DGR n. 3618 del 13/11/2007 che ha approvato il passaggio alle nuove tipologie di offerta dei servizi per tossicodipendenti e alcoldipendenti, ha ottenuto l’attribuzione di n. 25 posti letto accreditati dalla Regione Veneto, sui 30 disponibili. I posti sono distribuiti presso sei appartamenti dei quali tre sono di maggiore autonomia.

DEFINIZIONE DEL PROGRAMMA

Il Focolare è finalizzato al reinserimento sociale di chi per storia personale si è trovato ai margini della società e ha difficoltà a ricostruirsi un percorso di integrazione che gli restituisca dignità e serenità.
Gli obiettivi del Servizio sono:

  • favorire la realizzazione del “Sistema di Servizi" nella logica di una stretta
  • integrazione di competenze e di funzioni tra i diversi soggetti coinvolti, sostenendo una continuità pedagogica/riabilitativa;
  • promuovere nel territorio attenzione e disponibilità verso tossicodipendenti socialmente deboli;
  • promuovere interventi socio-sanitari ed educativi a favore di tossicodipendenti resistenti al cambiamento e soggetti a frequenti ricadute e ad un progressivo degrado: viene favorito un graduale recupero degli standards personali, compatibili con un’esistenza dignitosa.

Il programma è individuale e personalizzato concordato fra l’interessato, il Servizio inviante e gli operatori della Struttura.
A tal fine viene sottoscritto un “patto terapeutico” nella prima fase di accoglienza che definisce gli obiettivi e la durata dell’intervento educativo da realizzare (Scheda Programma Ospite, Scheda Obiettivi Ospite).
L’eventuale attività lavorativa svolta da ciascun ospite, in base alle proprie risorse, capacità produttive e percorso personale, è favorita tanto in contesti lavorativi protetti, quanto in autonomi rapporti con ditte esterne. Per chi necessità di sostegno si richiede il coinvolgimento dei servizi di integrazione lavorativa (SIL) mentre in collaborazione con una cooperativa sociale (Cooperativa Nova) viene messa a disposizione un’attività di laboratorio occupazionale (semplici lavori di assemblaggio). Nel tempo libero, gli ospiti sono sollecitati a impegnarsi in attività ricreative, formative e di volontariato.

Torna all'inizio

FIGURE PROFESSIONALI COINVOLTE

Nella Struttura lavora un’équipe costituita da: un Direttore, quattro Educatori, un Collaboratore (Volontario), uno Psicologo, un Infermiere. Inoltre vi è la consulenza di un Medico Psichiatra qualora fosse necessario. Lo staff beneficia di una supervisione costante a cadenza mensile.

Torna all'inizio

DEFINIZIONE AREE DI LAVORO

Compito degli operatori del Servizio è l’orientamento e l’accompagnamento degli utenti ai servizi e al territorio. La presa in carico riguarda gli aspetti:
Sanitari: oltre alla cura e alla salvaguardia della salute viene gestita la somministrazione farmacologica anche con la presenza di un infermiere professionale in raccordo con la medicina di base e specialistica. Vengono gestite anche le terapie sostitutive e antagoniste, a scalare e a mantenimento.
Socio-familiari: la persona e stimolata a mantenere e potenziare le relazioni positive e significative. Sono favorite le comunicazioni e le frequentazioni con familiari e amici in accordo con gli educatori. A tal fine sono strutturati degli incontri periodici con familiari e altre figure significative. Questo è favorito dalle “Verifiche a casa”, durante le quali l'ospite si misura con le proprie difficoltà e le proprie risorse.
Lavorativi: l’occupazione presso il laboratorio occupazionale e gli inserimenti protetti vengono monitorati direttamente. L’attività lavorativa esterna viene gestita dagli ospiti in autonomia seppure gli operatori verificano e favoriscono la buona gestione dei compensi guadagnati da parte dell'ospite.
Legali: il programma accoglie anche persone con misure restrittive e alternative al carcere.
Educativi: ciascun ospite ha un educatore di riferimento e viene sostenuto da questi attraverso colloqui individuali per la gestione della propria quotidianità. Ogni ospite partecipa ai gruppi (“gestionali di appartamento”) per la gestione della convivenza all'interno degli appartamenti della Struttura.
E’ richiesta la condivisione rispettosa fra tutti coloro che sono accolti. Un regolamento sottoscritto al momento dell’ingresso definisce le regole di convivenza e di comportamento, in particolare si richiede l’astinenza da ogni sostanza (eccetto il tabacco) per tutto il periodo di accoglienza. Si invitano le persone a partecipare alle attività comuni, ad impegnarsi nelle attività domestiche. La gestione economica è effettuata con il sostegno degli educatori.
Terapeutici: gli ospiti sono invitati a partecipare al gruppo terapeutico e di sostegno, che si tiene una volte la settimana, atto a promuovere la propria autostima e il proprio inserimento sociale e lavorativo.

Torna all'inizio

METODOLOGIA UTILIZZATA

− L’accoglienza prevede dei colloqui preliminari di valutazione con il responsabile del Servizio che valuta l’eventuale necessità di un periodo di inserimento in una Pronta Accoglienza.
− La durata del programma è stabilita con il servizio inviante nel rispetto dei termini previsti dalla legge: si propongono orientativamente più moduli di 6 mesi.
− Al momento dell’ingresso viene firmato dall’ospite un “contratto terapeutico”, in cui ci si impegna a svolgere il percorso concordato rispettando il “Regolamento del programma”, e ogni altra informazione relativa alla presa in carico. Viene quindi aperta una “Cartella Personale” che contiene il Progetto Educativo Individuale (PEI). − L’attività educativa e di accompagnamento, fermo restando la sorveglianza nelle 24 ore, viene svolta dalle ore 7:00 alle ore 23:00.
− La terapia farmacologica di ciascun ospite è gestita in accordo con gli educatori. Vengono accolti pazienti con terapie sostitutive (farmaci agonisti e antagonisti) con incarico di gestione affidato ad un infermiere professionale presente in sede una volta la settimana.
− Vengono eseguiti periodicamente e con continuità, circa una volta la settimana, controlli sull’uso di sostanze (droghe e alcol)
− Le spese personali (farmaci, sigarette, prodotti per l'igiene personale, eccetera) sono a carico dell’ospite o dei suoi familiari. Il denaro viene gestito dagli operatori che lo conservano consegnando quanto necessario all'ospite settimanalmente. Gli operatori valutano le richieste economiche dell'ospite e come questi intenda impiegare il proprio denaro, conseguentemente verificano le spese sostenute dall'ospite.
− Il Regolamento del Programma stabilisce innanzitutto il divieto di avere atteggiamenti violenti, assumere sostanze e avere rapporti sessuali nelle strutture dell’associazione; definisce inoltre i vincoli per garantire una convivenza e una gestione della casa (orari di rientro, pulizie domestiche, uso degli spazi, eccetera) rispettose di tutti.
− Lo staff degli educatori, guidato dal responsabile del Servizio, si riunisce settimanalmente e beneficia di una supervisione.

Torna all'inizio

TIPOLOGIA DI UTENZA

Maschi tossicodipendenti e alcoldipendenti, anche in presenza di problematiche psichiche, che non richiedano una gestione di tipo intensivo e specialistico.

Torna all'inizio

REQUISITI PER AVERE DIRITTO

Essere residenti in Italia o comunque in carico al Servizio Sanitario Nazionale con dichiarazione di tossicodipendenza rilasciata dal Servizio per le Tossicodipendenze (Ser.T.) della propria azienda sanitaria, oppure essere residente in un Comune Italiano e in carico al Servizio Sociale per invii di tipo socio-assistenziale. Sono consentiti anche accessi privati con rapporto diretto.

Torna all'inizio

DECORRENZA

Dall’avvio della convenzione tra il Servizio Residenziale Il Focolare e l’azienda sanitaria inviante o in casi particolari di altro Ente Pubblico.

Torna all'inizio

DURATA

Durata è personalizzata e stabilita con il Servizio inviante. Può essere rivista nel corso del percorso nel rispetto delle normative vigenti (massimo 6 mesi per gli alcolisti e 24 mesi per il tossicodipendenti). Il Programma ha avvio a partire dalla comunicazione formale di ingresso da parte del Servizio e sulla base dell'attivazione della convenzione tra il Servizio Residenziale Il Focolare e l'azienda sanitaria, valida per il Sistema Sanitario Nazionale. Altro tipo di convenzione è pattuita in casi particolari.

Torna all'inizio

COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Le prestazioni sono calcolate economicamente in giorni di residenzialità per i quali l’Ente inviante corrisponde una retta alla Comunità. Sono a carico dell’ospite e/o della sua famiglia le spese personali: prodotti per l’igiene personale, farmaci, sigarette, vestiario e spese ricreative.

Torna all'inizio

ESCLUSIONI

La presenza di patologie di disagio psichico che richiedano un'assistenza specialistica continuativa e/o la necessità di assistenza infermieristica continuativa è motivo di esclusione. Inoltre ci si riserva di accogliere persone che in precedenti periodi di accoglienza abbiano creato serie difficoltà e/o recato danni a persone o cose.

Torna all'inizio

MODALITA' DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INTERVENTI

Il programma si svolge sulla base di Progetti Educativi Individuali che definiscono obiettivi specifici e tempi di verifica degli stessi. Con verifiche periodiche si monitorano i risultati raggiunti e si ridefiniscono gli obiettivi. Il monitoraggio è costante: settimanalmente si discutono, nell’incontro di staff, gli andamenti dei singoli percorsi. Gli educatori referenti dei casi aggiornano periodicamente, sul gestionale Geko, i Diari Clinici di ciascun ospite. I risultati delle verifiche sono registrati in specifiche schede e raccolti in un database per la valutazione annuale del Servizio. Su richiesta degli enti invianti vengono prodotte relazioni scritte sui percorsi realizzati.

Torna all'inizio

REGISTRAZIONE FORMALE - DIMISSIONI E COMUNICAZIONI AL SER.T.

Al momento della conclusione del programma viene sottoscritto dall’ospite e dall’operatore presente in Struttura un modulo in cui si esplicita la causa dell’uscita. Tale modulo viene immediatamente trasmesso, via fax, al Ser.t. (o altro servizio) d’invio. L’avvenuta conclusione del programma viene infine registrata nel gestionale informatico GEKO, così come tutta la modulistica di ingresso e di uscita temporanea.

Torna all'inizio

VALUTAZIONE DEI RISULTATI (FOLLOW-UP)

Tutti gli ospiti che hanno seguito il percorso di terapia e riabilitazione sono monitorati, attraverso un questionario sottoposto ai Ser.T di riferimento, a distanza di 6 e 12 mesi al fine di valutare la qualità di vita e verificare l’efficacia del trattamento.

Torna all'inizio

NOTIZIE UTILI E CONTATTI

Il Servizio è realizzato dall’associazione Il Borgo Onlus (P.I. e C. F. :02747230247) con sede legale a Vicenza in Corso Ss Felice e Fortunato 276 e sede amministrativa e contabile in Via Manin, 1 36015 Schio, tel 0445-511596 fax 0445-518174.

Per ulteriori informazioni contattare il Responsabile della Struttura Il Focolare:
dott. Francesco Dagnello, tel: 348 7414980,
e-mail: direzione.ilfocolare@ilborgoonlus.it

La sede del Servizio è Il Focolare – Il Borgo Onlus
Via Campagnola, 38 - 36015 Schio (VI)
tel: 0445-512737
fax: 0445-514474
e-mail: ilfocolare@ilborgoonlus.it
sito internet: www.ilborgoonlus.it

Sede Legale:
Corso Ss Felice e Fortunato, 27 - 36100 Vicenza (VI)

Torna all'inizio